Tumori cutanei

I tumori della pelle (escluso il melanoma) sono tra i tumori più frequenti in assoluto (secondi solo al tumore della mammella nella donna e a quello della prostata negli uomini; Fonte: AIRTUM).

La maggior parte di questi tumori sono denominati carcinomi basocellulari e spinocellulari che hanno un trattamento prevalentemente chirurgico perchè spesso diagnosticati precocemente quando ancora di piccole dimensioni: in questi casi una semplice escissione chirurgica consente la guarigione definitiva. Ma quando queste neoplasie, seppur di piccole dimensioni, colpiscono regioni anatomiche "nobili" (come le palpebre, il naso, le labbra, le orecchie, zone di grandissima importanza cosmetica) o comunque il volto in generale, le implicazioni estetiche diventano importanti quanto la radicalità oncologica. Ciò significa che se da un lato è sempre indispensabile asportare queste lesioni in maniera ampia per ridurre il rischio di recidiva dall'altro è altrettanto fondamentale ricostruire la regione colpita in modo da non alterarne l'anatomia e di non lasciare il paziente con una alterazione del profilo.

L'abilità del chirurgo plastico sta proprio nell' asportare il tumore e ricostruire la zona in un tempo unico, rendendo le cicatrici il meno visibile possibile e non alterando le funzioni dell'area colpita (palpebra, labbra, naso, ecc.).

La maggior parte di questi interventi possono essere eseguiti in anestesia locale con o senza sedazione e prevedono in genere un semplice day hospital.