Correzione di cicatrici

Gli interventi di correzione delle cicatrici sono volti a migliorare l'aspetto degli esiti di precedenti interventi o di traumi. Consistono nel migliorare l'aspetto di una brutta cicatrice cambiandone la forma, la lunghezza o la posizione. Nessun intervento può cancellare definitivamente una cicatrice ma mediante differenti procedure la si può rendere sempre meno visibile. A volte basta asportare la vecchia cicatrice e riconfezionare la sutura con tecnica estetica, altre volte è necessario combinare alcune tecniche come le plastiche a "Z" ed il trapianto di tessuto adiposo. In rari casi è consigliabile effettuare una serie di piccoli interventi ripetuti per ottenere il risultato desiderato.

A seconda della sede e dell'estensione della cicatrice da correggere, questi interventi possono richiedere da una semplice anestesia locale ad una anestesia generale e di conseguenza un ricovero ambulatoriale o di una notte.

Sfatiamo i luoghi comuni:

Una cicatrice può essere cancellata. Falso. Nessuna cicatrice può essere cancellata completamente. Può sicuramente essere migliorata, resa meno visibile o meno rilevata ma una cicatrice è permanente. E' come quando si rompe una tazzina di porcellana: per quanto venga incollata bene, la crepa sarà comunque sempre lì e più o meno visibile.

Si potrebbe prendere la pelle da un'altra zona e coprire la cicatrice. Falso. La tecnica di prelevare cute da un'altra zona e trapiantarla in un'altra (il cosiddetto "innesto dermoepidermico") è una procedura insostituibile in alcune condizioni come ad esempio le ustioni: in questi casi l'innesto ha una funzione di copertura di una zona in cui la pelle non c'è più e attraverso cui potrebbe svilupparsi un'infezione; il risultato estetico di un innesto nella maggior parte dei casi è molto mediocre: ha l'aspetto di una toppa a causa del colore spesso molto diverso dalla cute circostante, è una pelle traslucida e molto rigida ma soprattutto molto visibile. La funzione dell'innesto è quindi non estetica ma di "salvataggio". Coprire una cicatrice con un'innesto significherebbe sostituirla con una toppa ancora più brutta e visibile della cicatrice stessa. Senza contare che si lascerebbe un'ulteriore cicatrice nella zona in cui si è prelevato l'innesto.